Organizzazione del lavoro

Partire con il piedi giusto

Non è facile avere le idee chiare sull’organizzazione di un progetto di e-commerce sopratutto se si vuole realizzare una vendita professionale che punti a massimizzare il profitto. Indubbiamente il fattore fortuna è una delle cose che possono incidere sulle sorti del negozio, ma la fortuna dev’essere aiutata da un’attenta pianificazione del progetto di realizzazione, comunicazione e promozione.

Chi pianifica bene le scelte in fase iniziale, riuscirà ad ottimizzare sia i costi che i tempi del progetto. Iniziare con il piede giusto quindi, significa pianificare i passaggi fondamentali che si devono affrontare per arrivare ad avere un e-commerce che dia il profitto sperato.

Partiamo dal nome

La scelta del nome può essere presa sotto gamba, ma spesso è la base su cui poggia tutta la linea ed il concept del vostro negozio. Il nome ed il dominio da registrare, dev’essere scelto con criterio e considerando alcune caratteristiche come:

  • Facile da ricordare: nomi complessi, sono difficili da ricordare, quindi evitiamo nomi del tipo aer-seat-sicurity-srl o nomi che non hanno un chiaro significato, perchè potrebbero causare dei problemi. Anche nomi composti da lettere strane o parole inglesi potrebbero generare molta confusione nella testa dell’utente. Un nome interessante dovrebbe invece dare delle indicazioni chiare su cosa vendiamo o almeno di che settore merceologico facciamo parte.
  • Con un payoff vincente: il payoff (frase breve e diretta che accompagna un marchio o logo) di un brand a volte è stato la propria fortuna, molti loghi importanti, si ricordano proprio per la loro tagline, se vi dicessi: I’m lovin’ it. o persone, oltre le cose. Oppure la cucina più amata dagli italiani o l’enciclopedia libera. Sicuramente vi salterà in mente subito il nome del brand. Cercate quindi di avere un payoff che colpisca subito nel segno. Il suffisso del marchio non è indispensabile, ma aiuta a rafforzare l’identità di un marchio.

Grafica e look

Se il nome è importante, altrettanto importante è l’immagine coordinata della vostra azienda, logo, colori aziendali, packaging dei vostri prodotti, tutto il concetto grafico dovrà richiamarsi nello stile del vostro sito.
Ad esempio, pensate al vostro logo come all’insegna del vostro negozio, una bella insegna resterà impressa nella mente del cliente. Quindi cercate di affidare la costruzione del logo e della vostra immagine a dei professionisti che trasformino il vostro messaggio in elementi grafici emozionali. Vedi anche immagine correlata aziendale

Regole per vendere

Come spiegato anche nell’introduzione all’e-commerce, se si vuole vendere professionalmente, bisogna essere in regola con il fisco e con la legge, i requisiti cambiano a seconda del tipo d’impresa o dal tipo di gestione che vogliamo adottare, ma sostanzialmente sono:

  • Avere una posizione fiscale: aprire una partita iva che indichi come codice ATECO (47.91.10) il commercio al dettaglio via web.
  • Iscriversi al registro delle imprese: tramite la Camera di Commercio della vostra provincia.
  • Iscriversi all’Inps: è obbligatoria per legge e vi serve per ottenere la pensione. Potete evitarla solo se dimostrate di avere un’altra attività che già copre il versamento periodico all’Istituto di previdenza.
  • Segnalare al comune l’inizio attività: anche questa operazione è obbligatoria per legge e prevede la presentazione di una SCIA che certifica l’inizio attività, è possibile farlo in maniera telematica.
  • Avere la certificazione P.I.A.: solo per chi volesse vendere alimenti, è obbligatorio partecipare al corso P.I.A. organizzato dalla Confcommmercio. Il corso offre le possibilità a chi l’ha frequentato ed ha superato l’esame, di vendere prodotti alimentari e bevande di qualsiasi tipo. Chi ha lavorato presso un esercizio pubblico (bar, ristoranti, mense, hotels) per almeno due anni (degli ultimi cinque), può evitare di fare il corso.
  • Iscriversi all’INAIL: solo per gli artigiani, è indispensabile questo tipo di iscrizione.
  • Avere un kit per la firma digitale: per chi volesse gestire le iscrizioni e le pratiche burocratiche da solo, questo kit è indispensabile perchè vi permetterà di autentificare tutti i documenti, è composto da: un lettore usb da inserire nel pc e da una smart card. Viene rilasciato dalle poste italiane o da alcuni fornitori specializzati.

Ovviamente, un commercialista si può occuperà di recuperare e preparare tutti i documenti che servono per mettersi in regola. Vi potrà consigliare meglio sulle scelte da fare. Avere un professionista al vostro fianco, vi eviterà di perdere tempo.

Fare da solo? Certo si può...

Se invece vi sentite abili nello sbrigare pratiche di questo tipo e volete risparmiare del denaro, potete anche optare per la comunicazione unica. Di fatto è la possibilità per chiunque di compilare tutte le domande ed inviare i documenti ai vari uffici grazie al sito del registro delle imprese: pratica semplice, pagando il tutto con carta di credito. Bisogna seguire le indicazioni nel sito tenedo a portata di mano il kit per la firma digitale.

Top